Email This Article
Your Name:
Your Email:
Email To:
Comment:
Optional
Authentication:  
8 + 4 = ?: (Required) Please type in the correct answer to the math question.

  
clear
You are sending a link to...
Nazis On The Nile

Unlike the Nazi war criminals who fled to South America, those who fled to Arab countries did not have to hide their identities, and they often were employed by Arab governments, especially by Egypt.

Here is a list, found in a footnote in "Il Gotteskamp di Johann von Leers" by Claudio Mutti.  The text is in Italian, but the Nazi names, and the Muslim names so many of them took on -- as it says toward the end, "[l]a maggior parte di loro abbracciò l’Islam" (most of them embraced Islam)-- should  be easy to make out:

"Tra coloro che svolsero un ruolo politico o militare in Egitto, possiamo citare: Hans Apeler, alias Salah Ghaffar (Ministero dell’Informazione), Franz Bartel alias el-Hussein (Ministero dell’Informazione), il generale della Wehrmacht Wilhelm Farmbacher (consigliere militare di Nasser), l’SS Standartenführer Baumann (Ministero della Guerra; istruttore del Fronte di Liberazione della Palestina), l’ex commissario della Gestapo Erich Altern alias Ali Bella, l’SS Sturmbannführer Walter Balmann alias Alì ben Khader, l’ex aiutante di campo di Rommel Fritz Bayerlein, Hans Becher (istruttore della polizia), l’ex ufficiale della Gestapo Wilhelm Beissner, l’SS Sturmbannführer Bernhard Bender alias Bashir ben Salah (consigliere della polizia politica), l’SS Untersturmführer Wilhelm Boerner alias Ali Ben Kasher (Ministero degli Interni, istruttore del Fronte di Liberazione della Palestina), Werner Birgel alias el-Gamin (Ministero dell’Informazione), l’SS Untersturmführer Wilhelm Boeckler alias Abd el-Karim, l’SS Hauptsturmführer Alois Brunner alias Alì Mohammed, l’SS Obergruppenführer Friedrich Buble alias Ben Amman (Dipartimento Relazioni Pubbliche), Franz Bünsch, l’SA Obersturmführer Erich Bunzel, il capo della Gestapo di Düsseldorf Joachim Daemling alias Jochen Dressel alias Ibrahim Mustafa (Radio Cairo), l’SS Obergruppenführer Oskar Dirlewanger, il medico SS dr. Hans Eisele, l’SS Sturmbahnführer Eugen Fichberger, l’SS Standartenführer Leopold Gleim alias al-Nasher (Servizi di Sicurezza), l’ex assistente di Goebbels barone von Harder, l’ex giornalista del Welt-Dienst Ludwig Heiden alias al-Haj (traduttore del Mein Kampf in arabo), l’SS Hauptsturmführer Heribert Heim (medico della polizia), l’ex dirigente della Gestapo Franz Hithofer, Ulrik Klaus alias Muhammad Akbar, l’ex dirigente della Hitlerjugend Karl Luder (Ministero della Guerra), l'SS Standartenführer Gerhard Mertins, Rudolf Midner, l’SS Gruppenführer Alois Moser (istruttore delle Camicie Verdi), l’SS Sturmbannführer Oskar Münzel (consigliere militare), Gerd von Nimzek alias Ben Alì, Achim Dieter Pelschnik alias el-Said, Franz Rademacher, Walter Rauff, l’SS Sturmbahnführer Schmalstich, l’SS Sturmbannführer Seipel alias Imad Zuher, l’ex funzionario della Gestapo Heinrich Sellmann alias Hasan Suleyman (Ministero dell’Informazione), Albert Thiemann alias Amman Qader, l’SS Standartenführer Erich Weinmann, il dr. Werner Wietschenke, il medico SS Heinrich Willermann alias Naim Fahum, Ludwig Zind alias Muhammad Saleh. La maggior parte di loro abbracciò l’Islam. “Per la verità, l’arrivo di un certo gruppo di ex nazisti al Cairo è precedente alla rivoluzione nasseriana. Già re Faruk si era circondato, tra il 1948 e il 1951, di alcuni esperti tedeschi (…) Giunto al potere Nasser, il reclutamento degli esperti tedeschi si è intensificato ed il senatore americano dell’Alaska, Ernest Gruening, poteva offrirne un lungo elenco, il 3 maggio 1963, nel corso del dibattito sul Medio Oriente” (Angelo Del Boca e Mario Giovana, I “figli del sole”. Mezzo secolo di nazifascismo nel mondo, Feltrinelli, Milano 1965, p. 463 n."

Subscribe